Benvenuto, Visitatore
Devi registrarti prima di poter scrivere nel forum.

Nome utente
  

Password
  





Ricerca forum

(Ricerca avanzata)

Statistiche del forum
» Membri: 317
» Ultimo utente: fftty101
» Discussioni del forum: 2,029
» Messaggi del forum: 14,875

Statistiche dettagliate

Utenti online
Al momento ci sono 96 utenti online.
» 3 utente(i) | 93 visitatore(i)
Caleb89, DM Odisseo, Endymion

Ultime discussioni
[Q-DM Artemis] Onore e Pr...
Forum: Quest e Autoquest
Ultimo messaggio di: LordCapra
1 ora fa
» Risposte: 4
» Visite: 244
Draghi metallici
Forum: Generale
Ultimo messaggio di: Reisel1
oggi, 00:50
» Risposte: 16
» Visite: 523
Alla guerra!
Forum: Generale
Ultimo messaggio di: fuocoardente01
ieri, 17:55
» Risposte: 86
» Visite: 2,733
[Q] Dispacci, ordini e vo...
Forum: Quest e Autoquest
Ultimo messaggio di: Rubbio
ieri, 15:40
» Risposte: 13
» Visite: 652
[Dm Ignem] Thraxata, la f...
Forum: Quest e Autoquest
Ultimo messaggio di: Denoela
ieri, 15:24
» Risposte: 0
» Visite: 45
[DM Ignem] Fronte Orienta...
Forum: Generale
Ultimo messaggio di: Anima Errante
ieri, 14:20
» Risposte: 27
» Visite: 652
Voci da Shadowdale
Forum: Voci e Annunci
Ultimo messaggio di: DM Artemis
ieri, 10:15
» Risposte: 5
» Visite: 1,527
[DM Ignem] Di fronte al F...
Forum: Quest e Autoquest
Ultimo messaggio di: Julius
21-02-2019, 22:25
» Risposte: 30
» Visite: 767
Cancellazioni\modifiche p...
Forum: Annunci e Topic Importanti
Ultimo messaggio di: Astrid
21-02-2019, 00:57
» Risposte: 226
» Visite: 93,249
Ritratti PG 2.0
Forum: Annunci e Topic Importanti
Ultimo messaggio di: Amsterdam
20-02-2019, 21:24
» Risposte: 18
» Visite: 2,397

 
  [Dm Ignem] Thraxata, la fine di una secondogenita
Inviato da: Denoela - ieri, 15:24 - Forum: Quest e Autoquest - Nessuna risposta

"AVETE DISTRUTTO I MIEI SERVI" 
"ORA DIVENTERETE IL MIO SPUNTINO" 


Dopo essersi fermata a riprendere fiato con un po' d'aria elfica, sotto gli occhi delle guardie la genasi attraversava l'Albero delle vie diretta a Essembra. Del tutto incurante del suo aspetto e di chi incrociasse, sporca dai capelli svolazzanti alle gambe tremanti, gli abiti malmessi e uno strano sorriso fossilizzato sul viso e gli occhi brillanti. Le orecchie ronzavano ancora chiudendola in un limbo personale mentre percorreva meccanicamente la strada verso il Tempio.

"Hey Harald com'è andata la giornata? Io ho ucciso un drago!"

Voleva parlare con lui, voleva buttarsi su un letto, voleva mangiare un cinghiale, urlare e dormire per due ere, ma invece, senza neanche rendersi conto, giunta davanti all'altare continuò a camminare verso le stanze sul retro. Come ogni madre era attratta magneticamente dal figlioletto. Qualunque cosa il piccolo stesse facendo, lei lo prese a sè baciandolo vigorosamente. Caranthir gatttonava già da tempo ormai e, a giudicare da un bernoccolo recente, probabilmente aveva tentato il bipedismo con scarso successo. Agli occhi di Darsa però, lui sarebbe stato sempre la stessa meravigliosa piccola fiammella. Forse ora un po' meno carino, scalcitante e insozzato dalla presa della madre. Portandolo in braccio, Darsa tornò dalla Fiamma Eterna e come se niente fosse riprese a parlare.

"Oh Harald..."

Come in una strana favola per le orecchie del figlio, Darsa narrò della battaglia che avevano appena vinto contro la fortezza drow, servi della dragonessa Thraxata. Minimizzando su quel "piccolissimo dettaglio" del "Dito della morte" che si era presa in pieno, quando con Ethan avevano squarciato la palizzata dei drow. Tappando le orecchie del genasi mentre imprecava contro quei "piccoli" bastardelli abissali che le saltavano addosso in ogni corridoio della fortezza, dalle stanze intrisae di sangue e bradelli di elfi orrendamente trucidati. Sicuramente enfatizzò con troppo entusiasmo le "sublimi e letali fiammate" che si erano presi distruggendo i cristalli di un qualche rito di evocazione demoniaca. Per non parlare delle "Tempeste di meteore" che aumentavano di numero ogni volta che le citava a caso, rompendo la cronologia della narrazione.

"AHIA! Zakhar Caranthir Nietzen: lasciami subito!"

Come ogni pupetto che si rispetti, doveva strappare un po' di capelli alla madre, specie se gli ondeggiavano sotto il suo naso ipnoticamente. Una balia accorse subito in soccorso dell'imbranata madre, portandolo via da quella storia truculenta per "fare il bagnetto". Perchè si anche le genasi di tanto in tanto devono lavarsi, sebbene dagli strilli lungo il corridoio, forse il pargolo aveva intuito il suo triste destino. O più semplicemente non stava da troppo tempo con la sua mamma. Succede quando si ha una madre incapace di fermarsi, sempre intenta a rincorrere imprese, talvolta impossibili e quindi senza riuscire a portarle a termine, ovviamente. Darsa approfittò per sedersi sulla prima panca, riprendendo la narrazione con toni più adulti ma non necessariamente sensati.

"E niente.. poi ho tempestato di dardi un Balor degli Abissi e poi la dragonessa, due volte"

Parlò di come quel sacerdote si fosse ucciso per evocare il balor, tralasciando di come questo esplose in faccia ai combattenti più vicini, morendo contro l'ultimo dardo. La morte che Darsa aveva sempre sognato per se stessa, quella del balor, non degli scoppiati. Poi parlò di come primo drago, ucciso dopo tanta fatica, in realtà si era rivelato un simulacro di pietra. Confidò ad Harald le perplessità sue e degli altri che ne capivano, in quanto non era certo cosa "da draghi". Si ripromise di parlarne al maestro Amalyth ricordandosi delle sue sparizioni a "fiocchi di neve". Poi gli raccontò della bellissima donna che applaudì loro dopo aver ucciso Vizar puntandogli un dito. Colpevole e quindi meritevole di aver dato il colpo "mortale" al simulacro. Parlò di quanti erano caduti ancora sotto i suoi colpi tremendi, di come Davian resisteva mentre lei scaricava tutto ciò che le era rimasto di una bacchetta di Tempeste di dardi. Non che gli altri combattenti fossero da meno, intendiamoci, ma tra fedeli..

"Ora sono davvero molto stanca e affamata, se non ti spiace vorrei ritirarmi"

E lo fece davvero, portandosi nel letto, la sua piccola creaturina linda e pulita ma sempre scagazzante. Solo al mattino seguente si ricordò di citare ad Harald l'arco ammazzadraghi che però non era riuscita a vedere in azione così distante dall'elfa. E della cerca di draghi metallici intrapresa da altri. Disse che era ancora stanca ma impaziente di avere notizie, dunque avrebbe ripreso l'Albero delle vie passando per Myth Drannor. Oh si giusto, le avevano finalmente concesso il passaggio "fino a nuovo ordine". Darsa sorrise di come riguadagnava la città elfica una zolla alla volta, scherzando, chiese ad Harald quanto fosse grande la Città del Canto. Incurante di come lui non comprendesse il suo desiderio di liberarsi dal bando.

Stampa questo articolo

  [DM Ignem] Di fronte al Forte Drow
Inviato da: TheBerserk - 21-02-2019, 12:15 - Forum: Quest e Autoquest - Risposte (30)

L'esercito elfico e gli avventurieri lanciati all'assedio del fortino drow si radunano di fronte al Forte per l'assalto finale, gli avventurieri discutono su come dividersi per l'assalto, tra chi andrà frontale, e tra chi andrà attraverso le caverne.
Davian prende la parola, e espone la sua:

"All'assalto frontale, dovremmo formare un gruppo io, Julius, Darsa, Vizar, ed Althimara. Avremo probabilmente più combattenti elfici ad accompagnarci, e meno trabocchetti di cui curarci. In questo modo saremo in grado di rispondere alle varie minacce efficacemente.

All'assalto dalle gallerie, dovrebbero dunque partecipare Ethan, Leonides, Shedrimnes, Wren, Cristopher, ed Anthony. La zona sarà meno affollata probabilmente, ma al contempo stesso i trabocchetti potrebbero essere assai più diffusi e dovrete guardarvi da più minacce nascoste. Inoltre, credo che avrete molti meno elfi ad accompagnarvi per questa via."

Stampa questo articolo

  Lettera per Darsa
Inviato da: Exem - 20-02-2019, 00:13 - Forum: Lettere - Risposte (2)

Un messaggio chiuso viene lasciato a notte fonda per Darsa alla locanda ad Elven crossing. 
"Darsa, mi servirebbe una cortesia urgente.
Saresti in grado di scrivermi una o due pergamene di conoscenza delle leggende? Se puoi. Passerò domattina."
Firmato Vizar

Stampa questo articolo

  [DM Ignem] Fronte Orientale
Inviato da: TheBerserk - 19-02-2019, 14:15 - Forum: Generale - Risposte (27)

Per cercare di facilitare l'organizzazione apro un altro topic con un nome più intuitivo vista la situazione corrente.

Se non sbaglio è stato proposto da Ignem mercoledì o giovedì per l'azione di guerra.

Per me sono ok entrambi

Stampa questo articolo

  [L] per Uskail
Inviato da: feo90 - 19-02-2019, 14:05 - Forum: Lettere - Nessuna risposta

Salve Uskail,
nella speranza che la presente vi trovi ancora vivo volevo informarvi che potrei aver trovato una cura alla malattia causata dalle spore della muffa, sfortunatamente per produrla ho bisogno di amaranto, bacche di ginepro e corteccia di salice in quantità, ma vista la situazione attuale non sono in grado di andarli a raccogliere.

Leliana

Stampa questo articolo

  Hola mondoo
Inviato da: Ithilune - 16-02-2019, 21:19 - Forum: OFF Topic - Risposte (15)

Ciao a tutti ! 
Io sono Aurora e sono stata trascinata (a forza , nessuno deve scoprire il mio lato nerd u.u) qui dal mio ragazzo xD Non conosco molto il mondo di d&d ma ho ruolato diversi anni in forum gdr quindi spero di ambientarmi presto e soprattutto di divertirmi insieme a tutti voi Smile

Stampa questo articolo

  Draghi metallici
Inviato da: LordCapra - 15-02-2019, 17:58 - Forum: Generale - Risposte (16)

Visto che in gdr ci siamo piu o meno messi d'accordo su come agire? quando partiamo? per me é indifferente, sono presente ogni sera.

Stampa questo articolo

  [L] Per Velyahn
Inviato da: gion - 15-02-2019, 14:29 - Forum: Lettere - Risposte (2)

Cara Velyahn,

Con la presente voglio ritornare a toccare un argomento che ritengo di vitale importanza per il conseguimento della vittoria finale contro il Male che imperversa inesorabile su queste magnifiche terre. Ieri nella nostra spedizione abbiamo avuto modo di incrociare lungo il nostro cammino dei luoghi di Malvagio Potere dove i Mostri conducono i loro sacrifici in onore dei loro culti folli e scellerati, incrementando cosi il potere dei loro Signori Oscuri offrendo loro anime innocenti e condannando tali esistenze ad un eternità di ingiustizia e sofferenza che ritengo intollerabile oltre che blasfemo nei confronti di ogni cosa Buona e Giusta in questo mondo. Dobbiamo quindi perseverare, so che a te può sembrare una battaglia persa in partenza, che ergeranno altri monumenti ma fino a quando avremo fiato in corpo, forza nei muscoli e sangue nelle vene è nostro obbligo sacro e morale nei confronti di questo mondo contrastare ogni attimo ed ogni secondo i Poteri Oscuri che con inesorabile violenza, ostinata determinazione ed implacabile sete di sangue vogliono impadronirsi di questa terra, anche attraverso a quello che a noi può sembrare piccolo ed insignificante. Ma ricorda che tutti gli alberi prima di diventare grandi sono stati piccoli semi. Ed anche le azioni che possono sembrare di scarso significato avranno un peso nel momento Finale. 
Per tale ragione ti esorto anzi ti imploro di ritornare nelle Terre delle Bestie e distruggere tutti i luoghi nevralgici dove quei Mostri maligni trovano un punto di riferimento e Consacrare tali zone al Bene.

che Ilmater ti protegga da ogni sofferenza,

Ivan Vinogradov.

Stampa questo articolo

  Crash e cadavere scomparso
Inviato da: Endymion - 15-02-2019, 00:51 - Forum: Segnalazione BUG - Risposte (2)

Anthony aveva il mio corpo, è crashato, al ritorno non l'aveva più.
Mi hanno detto che segnalandolo c'è speranza di riavere i px, sennò fa gnente.

[Immagine: Cadavere-scomparso.jpg]

Stampa questo articolo

  [Q - Dm Ignem]Gruithad Lhug
Inviato da: Nightmare - 14-02-2019, 17:35 - Forum: Quest e Autoquest - Nessuna risposta

Vi sono cose antiche persino per il Popolo.
Talmente antiche da essere verità perdute che prendono il nome di leggende.
Il Terrore dei Draghi di Maeral Suldusk apparteneva alla leggenda di quell'elfo che ventimila anni prima guidava i suoi fratelli nel Cormanthor abbattendo i draghi ostili li insediatisi.

Un'arma tanto potente quanto viva, nata dal legno di una bianca betulla in cui dimorava la driade sua amata.
L'ultimo sacrificio, l'ultimo pegno d'amore di quello spirito dei boschi prima di venir distrutto.

Della loro storia non restavano che echi lontani tranne che per i loro antichi guardiani.




Oggi, l'elfa che si era legata più facilmente ai morti che ai vivi sapeva quanto fosse difficile avere a che fare con chi viveva un'altra epoca, in un altro mondo, con altri ricordi e per questo fissava in silenzio le antiche strutture, imponendosi il coraggio di affrontare le prove ed il giudizio di coloro che temeva di più.

I suoi compagni erano li con lei, nonostante avesse detto loro di non raggiungerla le erano i più cari e non ascoltarono, per fortuna.

Fu inaspettato, fu faticoso e pensò di aver fallito quando non vinse il Sole e non vinse la Luna, poichè di entrambe portava troppo forte l'orgoglio e non vi avrebbe potuto rinunciare senza mentire. Ancora meno dopo che gli antichi le mostrarono ciò che non aveva mai smesso di essere e quella vergogna interiore, quella sensazione di non esserne all'altezza svanì e finalmente tornò a sentirsi parte di ciò a cui era in realtà sempre appartenuta, il Popolo.

E per il Popolo, contro le proprie oscure previsioni invece superò le prove  anche se non da sola e allora, giudicata degna di impugnare quell'arma che avrebbe custodito fino alla fine della guerra riusciva finalmente a sentire rabbia e disperazione tramutarsi in determinazione.


Adesso erano pronti.
[Immagine: moonbow.jpg]

Stampa questo articolo