Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
[Varn] Vaeringjar
#1
[Immagine: 2481343_0.jpg]

***

"Quante? Dieci?"
Silenzio.
"Quindici?"
Di nuovo, silenzio.
"...trenta?"
Il mento della guardia si abbassò quasi impercettibilmente. Quasi.
"Fanculo. Stai scherzando?"
"No. All'alba." Finalmente la guardia rispose, monotono, pragmatico, inflessibile. Tanto gli doveva, e tanto gli diede.
Silenzio, stavolta gelido, inquietante. Contro ogni addestramento, la guardia si trovò inconsapevolmente a lanciare un'occhiata aldilà delle sbarre, nella penombra della cella umida. 
Sul volto tumefatto del prigioniero, immobile nel giogo delle pesanti catene, era comparso un mezzo sorriso.
"Allora sembra che dovrò uccidervi tutti e evadere da questa fogna, eh?"
La guardia ebbe un momento di esitazione, e con un sussulto nervoso si accorse di stringere fra le dita l'impugnatura del randello. 
Il prigioniero iniziò a ridere, prima gracchiando fra muco e polvere, e poi fragorosamente, a pieni polmoni.
La guardia gli fece eco fino alle lacrime.
"Come ti chiami, amico?"
"Ha importanza?"
No. Ormai non ne aveva più.
[Immagine: vcx.jpg]
Cita messaggio
#2
Passando davanti alla cella, la guardia ritrovò il prigioniero come lo aveva lasciato. Trovò strano sentirsene al contempo sorpreso e rincuorato.
"E' già l'alba?"
"Non ancora." La guardia gli allungò una scodella piena di brodaglia maleodorante. Il meglio che la mensa aveva da offrire. "Dì, cosa hai fatto per finire qui dentro?" 
"Cambierebbe qualcosa se ti dicessi che sono innocente?" Il tono voleva essere ironico, ma le parole uscirono affilate come rasoi.
La guardia restò in silenzio, e il prigioniero appoggiò la ciotola a terra. Ancora piena.
"Nulla che valga la forca, amico. Il tuo comandante ha la testa piena di merda." Il volto della guardia era nascosto dall'elmo, ma il prigioniero avrebbe giurato che l'uomo stesse sorridendo.
"Questo basta per meritarti la forca. Amico."
"Invece tu cosa hai fatto per finire qui dentro?"
"Il mio comandante ha la testa piena di merda." Adesso entrambi stavano decisamente sorridendo.
"Finisci la zuppa."
"Bah. Meglio il ceppo."
"Finisci la zuppa." Il prigioniero colse qualcosa nel tono della guardia. Guardò la scodella, poi versò la sbobba ai piedi della branda.

Ting.

"Allora ce l'hai un nome?" 
Le mani del prigioniero erano già all'opera, mentre alzando lo sguardo vide che la guardia gli stava dando le spalle. 
Dalla cella si levò una lieve risata. 
"Althjof. E tu?
L'elmo della guardia si inclinò appena da un lato. Nonostante l'accento straniero, l'uomo riconobbe l'idioma della sua terra.
"Ladro?"
"E ció che sono, dopotutto."
La guardia decise di stare alle regole del gioco.
"Allora io sono... Varn."

Il suolo sembrò venirgli incontro in tutta fretta. Non aveva nemmeno sentito il colpo alla nuca.
[Immagine: vcx.jpg]
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)